Il valore terapeutico del Nuovo Approccio Articolare Manuale

Il Nuovo Approccio Articolare Manuale (MAA) è stato sviluppato nella pratica clinica dall’osteopata e fisioterapista francese di fama mondiale Jean-Pierre Barral, in collaborazione con l’osteopata, anch’egli di nazionalità francese, Alain Croibier. I corsi di MAA si basano su tecniche cliniche sviluppate personalmente da Barral insieme a Croibier, quest’ultimo in possesso di grandi conoscenze scientifiche.

Il termine “articolare” si riferisce alle articolazioni del corpo, ovvero i punti critici che svolgono la funzione di tenere unite tutte le altre strutture corporee. Le articolazioni ricevono ed emettono messaggi da/verso altre parti del corpo, e sono in relazione con le nostre emozioni. Il nuovo Approccio Articolare Manuale è una modalità di terapia (manuale, appunto) che tratta le articolazioni da un punto di vista globale. Prende infatti in esame tutte le parti che le compongono: nervi, arterie, ossa, capsule e legamenti, così come le relazioni viscero-emozionali. MAA approfondisce il tema delle articolazioni in un modo del tutto innovativo. Esamina i nervi di ogni articolazione, così come le arterie, il menisco, i legamenti, le capsule e le pieghe articolari. Incorpora la mobilizzazione dei tessuti molli delle rispettive ossa, e analizza le relazioni dirette e indirette tra le ossa e il corpo. Tuttavia, la relazione tra i visceri e le articolazioni non è ancora stata del tutto compresa. MAA mostra quanto questi elementi siano interconnessi e come, senza l’analisi della connessione viscerale, molti problemi articolari non verrebbero risolti del tutto. L’applicazione delle tecniche di MAA stimola la capacità di autoguarigione e autoriparazione del corpo.

MAA è una terapia manuale pratica e delicata. Parte dal concetto che la zona di disfunzione primaria, a cui il corpo reagisce mettendo in atto meccanismi di compensazione, è spesso lontana dalla sede in cui si avverte dolore. Un professionista preparato in MAA ricerca questi schemi di compensazione e la loro fonte, prendendo in esame il corpo come un’unica unità, quindi non concentrandosi soltanto sull’articolazione che dà dolore, ma trattando anche i tessuti annessi. Il trattamento di MAA è costituito da manovre precise e lievi atte alla mobilizzazione del tessuto molle delle relative ossa, prendendo al contempo in esame le relazioni dirette e indirette tra le ossa e il corpo. Quando la restrizione primaria viene rilasciata, i sintomi cominceranno a ridursi. Il tempo di reazione e risposta può variare caso per caso.

Un’articolazione è molto più di un punto che mantiene in reciproca contiguità due o più superfici ossee. Si tratta di strutture complesse composte da: ossa, cartilagine, muscoli, tendini, nervi e fluido; e quando ciascuno di questi elementi svolge il proprio compito in modo appropriato, permette all’articolazione di lavorare liberamente, senza provocare alcun dolore. Se anche un solo componente non svolge correttamente la sua funzione, l’intera articolazione ne risente, comincia a mettere in atto meccanismi di compensazione e a non operare più al meglio. La conseguenza diretta è una disfunzione che può provocare dolore temporaneo, oppure un danno di tipo cronico. Tutte le parti e i sistemi del corpo sono in stretta connessione tra loro, comprese le articolazioni, e quando anche solo un pezzo del puzzle è interessato da una disfunzione, tutte le altre zone corporee ne risentono negativamente. Un professionista esperto in MAA può valutare adeguatamente le interazioni delle articolazioni del paziente con il resto del corpo, per riconferire loro un’adeguata funzionalità.

Nel contesto della valutazione dello stato si salute del paziente, un sintomo, come il dolore ad un’articolazione specifica, viene considerato come la tessera di un puzzle, ma non è necessariamente visto come l’elemento più importante. La causa del problema potrebbe infatti essere localizzata altrove, in sede distante da quella in cui si avvertono i sintomi. In particolare, nel caso di dolore articolare, il sintomo è spesso ascrivibile ad altre parti del corpo.

Un perfetto stato di salute si basa sulla equilibrata relazione tra i diversi sistemi del corpo, come i nervi/sistema nervoso, organi (visceri) e i loro tessuti di supporto, ossa, e altre strutture. Un professionista esperto in MAA può identificare la fonte della disarmonia corporea, e come e perché questa influisca su un’articolazione che provoca dolore. Tramite l’applicazione delle tecniche specifiche di MAA, il corpo del paziente si libera dagli schemi di disfunzione, l’articolazione stessa ne trae giovamento e il corpo raggiunge uno stato di benessere generale.

Come è nato l'approccio articolare manuale?

Jean-Pierre Barral è un osteopata e fisioterapia francese, padre della Manipolazione Viscerale, una terapia manuale che si concentra sugli organi interni del corpo, e che cominciò ad insegnare negli Stati Uniti nel 1985. Inoltre, Jean-Pierre Barral e Alain Croibier, anch’egli osteopata di nazionalità francese, svilupparono tecniche specifiche per trattare il sistema nervoso, che portarono allo sviluppo della Manipolazione Neurale. I due cominciarono ad insegnarla negli Stati Uniti a partire dal 1999. Jean-Pierre Barral continuò a condurre i suoi studi e la pratica clinica, e la collaborazione con Alain Croibier, in possesso di grandi conoscenze scientifiche, portò allo sviluppo, alla pratica e all’insegnamento dell’Approccio Articolare Manuale, che prende in esame le articolazioni.

Da allora, Jean-Pierre Barral e Alan Croibier hanno preparato personalmente istruttori internazionali che a loro volta tengono corsi e seminari di Manipolazione Viscerale, Manipolazione Neurale e Approccio Articolare Manuale in tutto il mondo. Sono inoltre autori di numerosi libri di testo rivolti a professionisti che lavorano nel campo della salute, tra i quali: Manipolazione Viscerale; Manipolazione dei nervi periferici; Manipolazione dei nervi cranici e Manipolazione Vascolare Viscerale (gli ultimi tre sono stati scritti a quattro mani con Alain Croibier, D.O.) Jean-Pierre Barral ha anche scritto un libro per il grande pubblico: Comprendere i messaggi del nostro corpo, in cui spiega le relazioni esistenti tra gli organi e le emozioni.

L'approccio manuale articolare è indicato per

Dolore articolare
Limitata mobilità
Infiammazione articolare
Distorsioni
Tendiniti
Osteoartrite
Lesione alla cuffia dei rotatori
e altre patologie.

Risultati terapeutici

“Mi era stata diagnosticata un’artrosi all’anca, che mi causava molto dolore. Il terapista che mi seguiva mi spiegò che avrebbe trovato la parte del mio corpo che non era in equilibrio e che poteva aggravare l’artrosi. Dopo alcune sessioni, il dolore diminuì drasticamente. L’artrosi forse non mi abbandonerà mai, ma dopo le sessioni di Approccio Articolare Manuale, il mio corpo ha ritrovato quell’equilibrio che potrebbe rallentare il processo degenerativo. Sono estremamente felice che il dolore si sia alleviato così tanto.”

D.L., St. Petersburg, Florida

“Ho subito numerose lesioni alla spalla durante gli allenamento per competizioni di fitness. Il terapista mi parlò di una nuova terapia che stava studiando: l’Approccio Articolare Manuale, e mi propose di applicarla al mio caso. Mi parlò della connessione della spalla con gli organi, i vasi sanguigni e il tessuto connettivo chiamato “fascia”, del ruolo delle ossa, dei legamenti e dei muscoli. Dopo alcune sessioni di trattamento, la mia spalla aveva un range di movimento molto più ampio; Non mi ero reso conto della gravità della restrizione, fino a quando non ho avvertito questa enorme differenza. Sono fiducioso che questa terapia risolverà alla base le lesioni ricorrenti alla spalla di cui soffro.”

D.D., New York, NY