La manipolazione vascolare

Il corpo umano è di una complessità incredibile. È impossibile immaginare questa miriade di cellule che contribuiscono tutte alla nostra sopravvivenza e alla nostra salute. Ciascuna deve suonare la sua nota di questo grande concerto che è la vita.

Il concetto osteopatico è un concetto di globalità ove ogni stanza dell’edificio dell’essere vivente è vitale. Sentir dire che un osteopata si è specializzato su una sola parte del corpo è un non-senso. Non ci è dato di scegliere, in funzione della nostra educazione, dalla nostra cultura e della nostra vita ciò che è importante per il paziente. È tutto l’organismo che, memorizzando le innumerevoli informazioni, deve guidare la nostra mano.

Saper ascoltare un corpo è essenziale; la mano deve programmare una risposta terapeutica in funzione dei messaggi che ha ricevuto.

A.T Still affermava, fermamente, che la regola dell’arteria è fondamentale e che un organismo, per funzionare bene, doveva avere una circolazione ottimale. Pochi terapeuti manuali si sono interessanti direttamente alla funzione circolatoria. Sappiamo tuttavia che il nostro eccellente amico e confratello Paul Chauffour si interessa anche lui al sistema vascolare.

Il sistema viscerale ha particolarmente bisogno di una buona circolazione; ed è in maniera naturale che, a poco a poco, abbiamo cercato di migliorarne la funzione.

Non ci siamo sforzati di mettere a punto delle manovre semplici ed efficaci sulla rete vascolare viscerale. Circa 100.000 km di arterie e 250.000 km di vene percorrono il nostro corpo, non è poco! Per un individuo di 70 chili, ciò significa circa 1500 km di arterie per kilogrammo.

Abbiamo studiato, in base al tipo di arterie, le tecniche più efficaci per aumentare l’irrorazione di un organo. Abbiamo moltiplicato le sperimentazioni con l’ausilio dell’effetto Doppler. Anche se, per certe arterie situate in profondità, non abbiamo sempre potuto dimostrare un aumento delle capacità, i miglioramenti clinici hanno dato prova dell’efficacia di questo tipo di manipolazione.

Abbiamo osservato, in certe arterie, una differenza momentanea di circolazione, senza conoscerne, sempre, l’effetto a lungo termine. Invece una cosa è certa: il paziente risente del miglioramento e questo è l’essenziale.

Il nostro mestiere è anche empirico e soggettivo; perché soffrirne o arrossirne? La nostra mano possiede questo privilegio incredibile di alleviare e migliorare le grandi funzioni del corpo umano. Questo è vero a condizione di lavorare senza sosta per aumentare ed ampliare più possibile le nostre conoscenze ed affinare le loro applicazioni manuali.

Conoscere l’anatomia e la funzione del sistema vascolare permette di curare meglio i pazienti.